Paesi vicino milano ben collegati

20 Paesi vicino Milano ben collegati da visitare

26 Shares
26
0
0

20 Paesi vicino Milano ben collegati, perfetti per un weekend o per una gita fuori porta. Borghi e città, natura e siti UNESCO vicino Milano, raggiungibili facilmente in treno, con brevi viaggi in auto o addirittura in bicicletta.

Vi raccontiamo i Paesi vicino Milano ben collegati da raggiungere per una giornata speciale, e magari dove andare vicino Milano dopo la quarantena, in questa pazza estate in cui il Turismo di prossimità la farà da padrone.

Milano è una delle città più carismatiche, giovani e vivaci d’Italia. La sua offerta culturale non finisce mai di stupire e moltissimi sono i musei e le attrazioni da visitare. La città, però, è anche un punto di partenza strategico per imperdibili gite fuori porta in Lombardia, e non solo, di quelle perfette per un weekend o per riempire di bellezza una domenica o una giornata libera

Da Milano è possibile raggiungere borghi antichi, laghi, montagne, cittadine, località dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e paesaggi immersi nella natura dove passeggiare e rilassarsi un po’, staccando dalla frenesia e dalle corse della città. E per godersi queste mete bellissime e paesi intorno a Milano è sufficiente un biglietto del treno o qualche chilometro in auto o, addirittura, soltanto una biciclettaDi seguito trovate 20 luoghi meravigliosi, tra siti culturali, parchi e paesi vicino a Milano ben collegati alla città. Se ne avete altri da suggerirci, lasciate un commento in fondo e costruiamo insieme una mappa dei paesi più belli vicino Milano.

Scoprite anche: 20 Hotel di design dove dormire a Milano

1. Borghi del Lago di Como

Tra le città vicino Milano da visitare c’è assolutamente Como, assieme a tutte le meraviglie disposte intorno al bellissimo Lago. Il Lago di Como è una delle mete preferite dai lombardi per weekend e gite fuori porta. Ma non solo: il Lago di Como è una destinazione molto amata anche dai personaggi di Hollywood che lo scelgono per la sua eleganza senza tempo e per la pace che regalano le sue sponde. Ricorderete la villa di George Clooney e le vacanze estive di Brad Pitt. Ecco. Per godere del Lago di Como in tutta la sua bellezza, il consiglio è quello di partire con la visita della città di Como, collegata perfettamente a Milano con un treno ogni ora (il viaggio dura circa 40 minuti). Da non perdere: la Cattedrale di Santa Maria, le viuzze del centro storico tra le antiche mura, la Funicolare per ammirare il lago dall’alto e Villa Olmo, una splendida villa del Settecento con giardino all’italiana da cui, come dalla cima della Funicolare, si gode di una vista mozzafiato su tutta la città e sul lago. Ma la vera chicca del Lago di Como sono i borghi sparsi lungo le sue rive. Per raggiungerli è possibile percorrere in auto la strada che costeggia il lago, oppure arrivarci tramite acqua, con uno dei tanti battelli che ogni giorno lo attraversano. In questo caso, si può scegliere di partire da Como, oppure raggiungere Bellagio in auto e poi approfittare di un battello per toccare tutti i borghi vicini.  Tra i più suggestivi: Bellagio, appunto, e le sue dimore tra cui Villa Serbelloni e Villa Melzi; Menaggio con la sua lunga storia e l’eredità artistica lasciata dalla Belle Époque; Varenna con Villa Cipressi, Villa Monastero e il Castello di Vezio; Tremezzo, famoso per Villa Carlotta, il suo giardino e il parco botanico; Gravedona dove vedere Santa Maria del Tiglio e Palazzo Gallio.

Lecco e trekking ai Piani dei Resinelli

Lecco, all’estremità sud-est del Lago di Como, è la tappa perfetta per chi vuole godersi la natura, magari con qualche pedalata su piste ciclabili tracciate, o due passi sul lungolago, ma anche approfittare dell’ottima cucina dei tanti agriturismi della zona. Tra i più consigliati: Oasi di Galbusera Bianca e La Selvaggia dove assaggiare piatti tipici come il risotto con la luganega e la zuppa di cipolle.

Se doveste scegliere di percorrere il tratto di strada Como-Bellagio in auto, potete fare una deviazione per passare al Santuario della Madonna del Ghisallo e al Museo del Ghisallo, entrambi dedicati al ciclismo, per celebrare uno dei tratti percorsi ogni anno dal Giro d’Italia

Distanza: circa 50 chilometri da Milano

lago di como paesi vicino milano collegati bene

2. Borghi del Lago Maggiore 

Il Lago Maggiore è circondato da così tanti gioielli da mettere piuttosto in difficoltà quando si tratta di scegliere da dove partire. Per organizzarsi al meglio, la visita del lago si può dividere in due itinerari possibili che vi porteranno a conoscere molti tra paesi carini da vedere vicino Milano. A seconda del tempo che avrete a disposizione, potrete scegliere di percorrerli solo in parte, oppure nella loro totalità.

  • Primo itinerario: Orta San Giulio e Isole Borromee 
    Questa è forse la scelta più suggestiva e poetica. Orta San Giulio, considerato uno dei borghi più belli d’Italia e tra i più bei paesi vicino Milano, è incastonato sulle sponde del Lago d’Orta, con un centro storico completamente pedonale fatto di stradine strette e pittoreschi punti panoramici. Proprio di fronte ad Orta San Giulio c’è l’Isola di San Giulio, 275 metri di larghezza per 140 di lunghezza pieni solo di silenzio e pace.
    A meno di mezz’ora di auto dal Lago d’Orta, invece, ci sono le famose Isole Borromee, così chiamate perché di proprietà della famiglia Borromeo nel 1300. Le Isole Borromee sono tre: l’Isola Madre, l’Isola Bella e l’Isola dei Pescatori, tutte raggiungibili con battelli che compiono percorsi circolari con corse ricorrenti. Sulle isole si trovano sontuosi palazzi, giardini all’inglese e all’italiana, terrazze vista lago, statue e opere d’arte.
  • Secondo itinerario: Rocca di Angera, Eremo di Santa Caterina e Oasi della Bruschera
    Sulla sponda lombarda e meridionale del Lago Maggiore sorgono meraviglie meno conosciute delle Isole Borromee, ma altrettanto rilevanti. La Rocca di Angera, per esempio, è una delle più importanti testimonianze medievali della zona: una fortezza che ospita sale storiche finemente decorate e anche il Museo della bambola più grande d’Europa.
    L’Eremo di Santa Caterina del Sasso, un incredibile monastero datato XIV secolo, sembra essere appeso a strapiombo sulle acque del lago ed è una tappa unica e da non perdere, raggiungibile in una ventina di minuti di auto verso nord rispetto alla Rocca di Angera.

Distanza: a circa 90 chilometri da Milano

posti vicino milano ben collegati

3. Borghi del Lago di Garda

Il Lago di Garda offre scorci perfetti per una gita fuori porta da Milano e panorami romantici e raffinati. Per non perdersi neanche un po’ di tutta la sua bellezza è utile affrontare il viaggio in auto seguendo un itinerario che, nell’ordine, attraversa Garda, Lazise, Peschiera del Garda, Sirmione, Desenzano del Garda, Salò e Gardone Riviera, tra le città e i paesini vicino Milano che vi consigliamo davvero di non perdere, per una passeggiata tranquilla, per godervi un pranzo all’aperto e per rilassarvi nella natura.
Se vi trovate da queste parti, non perdete le Grotte di Catullo a Sirmione, una villa romana costruita tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C., oggi il più imponente esempio di villa romana di tutta l’Italia del Nord; il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera, un monumento fatto di edifici, vie, piazze, un anfiteatro, giardini e corsi d’acqua costruito da Gabriele d’Annunzio in ricordo degli italiani che hanno combattuto valorosamente durante la Prima Guerra Mondiale; e il Giardino Botanico Fondazione Heller fondato nel 1903 su un terreno di circa diecimila metri e che oggi ospita sculture circondate da più di cinquecento specie vegetali.

Se vi muovete in auto, vale la pena una piccola deviazione per visitare Castellaro Lagusello che si trova a circa 20 chilometri a sud del Lago che è considerato uno dei borghi più belli d’Italia.

Distanza: a circa 140 chilometri da Milano

Riva del garda paesi vicino milano ben collegati

4. Brescia

Tra le città e i paesi ben collegati a Milano, Brescia è una meta perfetta e bellissima, collegata al capoluogo lombardo con treni comodissimi, sia regionali che ad alta velocità. Soprannominata “leonessa d’Italia” per il coraggio dimostrato nella lotta contro gli austriaci durante le dieci giornale del 1849, Brescia di bellezze da scoprire ne ha tante. Piazza della Loggia è una di queste, con la sua  Torre dell’Orologio datata 1540, le cui statue di bronzo scandiscono ogni ora della giornata colpendo una campana. Poco più in basso si nota anche un gigantesco orologio meccanico, di quattro anni più giovane rispetto alla torre, con segni zodiacali e fasi lunari. Piazza della Loggia è un ottimo posto dove godersi un caffè all’aperto o un aperitivo, specialmente nella bella stagione.
A pochi passi da lì si trova Piazza dei Duomi, al plurale perché in pochi metri si affiancano le due Cattedrali della città: la Cattedrale Estiva di Santa Maria Assunta, ovvero il Duomo nuovo, e la Concattedrale Invernale di Santa Maria Assunta, cioè il Duomo vecchio.
Ma Brescia può sfoggiare anche un sito Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO, ovvero il complesso di edifici pubblici romani che comprende il teatro, i resti del Foro cittadino e il tempio Capitolino. E, se non bastasse, Brescia ha anche un suo bellissimo Castello, arroccato sulla cima del Colle di Cidneo. Già che ci siete vanno provate anche le sue bontà culinarie come i casonsèi e i malfatti, entrambi tipi di pasta fresca tradizionali nella zona.

Distanza: a circa 100 chilometri da Milano

5. Franciacorta

Questa volta salite in macchina e preparatevi ad attraversare paesaggi collinari e panorami sterminati, per poi parcheggiare e non rimettervi alla guida per un po’, perché se si va in Franciacorta, dove bisogna per forza fare un brindisi. In questo meraviglioso territorio, assaggiate i vini che la rendono una delle zone d’Italia più rinomate per la produzione enologica, e in particolare un calice di spumante. La zona si estende dall’estremità sud del Lago d’Iseo fino alle porte di Brescia ed è perfetta per un weekend enogastronomico. Quello che vi consigliamo è di fare una lista di cantine da visitare: le più famose sono Cantina Barone Pizzini, nata del 1971 ma al passo con tutte le più grandi innovazioni del settore, come la produzione biologica; Bersi Serlini, che organizza anche visite in notturna o degustazioni bendate; Azienda Mosnel, cinque generazioni di viticoltori, quaranta ettari di vigneti e due percorsi tematici attraverso cui scoprirli e La Montina che al suo interno ospita anche un Museo d’arte contemporanea.
Le cantine organizzano visite guidate e ottime degustazioni. Inutile dire che non per forza bisogna scegliere: potete anche visitarle tutte!

Distanza: circa 80 chilometri da Milano

franciacorta paesi vicino milano ben collegati

franciacorta

6. Monza

Monza è il compromesso perfetto per chi ha voglia di uscire dalla frenesia urbana, ma senza allontanarsi troppo dal capoluogo della Lombardia, ed è perciò impensabile non inserirla in questo elenco di cittadine più o meno grandi e paesi vicino Milano ben collegati alla città. La si può raggiungere comodamente in auto o in treno oppure, per i più sportivi, anche in bicicletta. Da vedere per forza è la Villa Reale, residenza privata degli Asburgo nel XVIII secolo. La Villa ha uno splendido roseto e si trova all’interno del Parco di Monza, progettato in periodo napoleonico per essere il più grande parco urbano d’Europa.
Il centro storico della città, a pochi passi dalla Villa Reale, è molto suggestivo con il suo Duomo, il Palazzo dell’Arengario (antico Palazzo Comunale della città) e il Ponte dei Leoni. Per i più sportivi e amanti delle automobili inutile ricordare che Monza è anche la città dell’Autodromo Nazionale, costruito negli anni ’20 e oggi monumento storico della Formula 1.
Per concludere la giornata alla grande si può approfittare dei tanti localini del centro per godersi una cena tranquilla. Tra le osterie più famose Uova & Farina, Laboratorio pasta fresca con cucina e Hostaria Romana Quinto Quarto, un pezzettino di Roma trasportato in Lombardia. 

Distanza: a 15 chilometri da Milano

7. Bergamo 

Altra meta spesso esclusa dai circuiti da weekend, forse proprio perché troppo comoda e vicina alla città, è Bergamo. Intanto, va detto che Bergamo ha due anime, una più moderna e una più storica: la prima è Bergamo Bassa, la seconda Bergamo Alta; la prima è fatta di negozi, grandi catene e ristoranti, la seconda di piccole botteghe, osterie e stradine ciottolate. Bergamo Alta, in particolare, è stata definita da Stendhal «il più bel luogo della terra». E a passeggiare oggi nei suoi vicoletti non si può che dargli ragione. Per questo e tanti altri motivi, la inseriamo volentieri tra le città e i paesi medievali vicino a milano da visitare.

La si può raggiungere con una bella passeggiata oppure con l’Antica Funicolare, che dal 1888 collega la parte bassa al borgo antico. Se si opta per la passeggiata, si può scegliere tra quindici diverse stradine che salgono verso la città alta, arrampicandosi fino alle quattro porte lungo le mura ancora oggi presenti: Porta San Giacomo, Porta Sant’Agostino, Porta Sant’Alessandro e Porta San Lorenzo. Il centro di Bergamo Alta è Piazza Vecchia che, per citare un altro illustre personaggio come Le Corbusier, è stata definita la «piazza perfetta». Tutta la città vecchia è ricca di edifici, chiese e scorci pittoreschi: vale la pena perdersi per scoprirli tutti perché ogni angolino è un gioiello.
Se poi volete fermarvi per mangiare qualcosa di buono, Bergamo è ricchissima di osterie, trattorie e ristorantini con un ottimo menù. Tra questi: il Cortile di Franz, per gli amanti della carne; Enoteca Zanini, lista dei vini vincente e piatti a scelta tra carne e pescato; Al Vecchio Tagliere, perfetto se volete provare la cucina tipica della zona.

Distanza: A 55 chilometri da Milano

bergamo italia citta da vedere 2021

8. Mantova

La bellezza di Mantova è testimoniata dalla scelta dell’UNESCO di inserirla nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità. Chiamata anche “la città d’acqua”, perché bagnata su tre lati dal Fiume Mincio, Mantova è uno dei più straordinari gioielli del Rinascimento italiano. Vale la pena passeggiare tra le sue stradine e scoprirne ogni angolo, incrociando l’imperdibile Palazzo Ducale, Piazza Sordello, il Castello di San Giorgio, la Basilica di Sant’Andrea, il Duomo e Piazza delle Erbe.
Se vi trovate a Mantova all’ora di merenda, dovete approfittare di La Tur dal Sucar, la più antica pasticceria mantovana che prepara un’incredibile Torta Elvezia con zabaione, crema al burro, panna montata e mandorle. Verso l’ora del tramonto, invece, muovetevi verso il Ponte San Giorgio per godervi le luci del centro storico accendersi e i contorni di chiese, palazzi storici e campanili stagliarsi sul cielo rosa della sera.
Per raggiungere Mantova potete optare per uno dei tanti treni regionali in partenza dal centro di Milano: in due orette sarete arrivati. Un’altra bellissima città nella lista dei borghi vicino Milano da vedere assolutamente!

Distanza: A 190 chilometri da Milano

mantova paesi vicino milano pixabay

9. Pavia

Pavia vanta un passato glorioso degno delle più grandi città italiane. Capitale del Sacro Romano Impero sotto Carlo Magno, ha poi visto il passaggio di più dominazioni straniere che l’hanno resa il fulcro artistico e colorato che è oggi. Tra questi ricordi legati alla sua importante storia c’è l’Università di Pavia, tra le più antiche d’Europa e dove hanno insegnato personaggi come Ugo Foscolo e Alessandro Volta.
La inseriamo in questa lista di città e paesi belli da visitare vicino Milano, perché la città è collegata al capoluogo lombardo alla perfezione, con treni e mezzi pubblici ad alta frequenza. Da visitare a Pavia e dintorni c’è la Certosa di Pavia, un complesso monumentale costruito nel XIV secolo e oggi composto da un monastero e un santuario. Vista la sua storia lunga e ricchissima e le tante cose da scoprire, è molto utile farsi accompagnare da una guida.
Intorno alla Certosa ci sono anche hotel e ristoranti dove passare la notte o recuperare le energie, assaggiando la zuppa alla pavese con uova e crostini o l
anguilla alla borghigiana.
Qualche indirizzo gastronomico da segnare in agenda: Bardelli, ristorante elegante proprio di fronte al fiume e vista Ponte Coperto; Locanda Vecchia Pavia al Mulino, nella zona della Certosa e insignita della prestigiosa stella Michelin; infine l’Antica Osteria del Previ, atmosfera d’altri tempi e il calore di un pranzo in famiglia.

Distanza: 45 chilometri da Milano

pavia vicino milano citta pixabay

10. Vigevano

Vigevano è la terra delle risaie, incastrata com’è tra acqua e terra. Per questo molti dei piatti tipici della zona sono a base di riso, come il risotto con i fagiolini dell’occhio, con le barlande, ovvero le erbette dei prati, con i funghi porcini, con le tinche, con le quaglie, con gli asparagi, con la trippa e con le ortiche.
La Piazza Ducale di Vigevano, realizzata tra il 1490 e il 1492 per volontà di Ludovico il Moro e dalle menti geniali di Leonardo Da Vinci e Donato Bramante, è giustamente considerata una delle più belle piazze d’Italia. Come Milano, anche Vigevano ha il suo Castello Sforzesco, testimonianza del suo periodo di massimo splendore, ovvero quello visconteo-sforzesco, quando divenne residenza ducale.
Anche Vigevano è tra i paesi vicino Milano ben collegati, essendo tranquillamente raggiungibile in treno in meno di un’ora dalla città “città meneghina”. La zona in cui si trova, però, ovvero la Lomellina è composta da 60.000 ettari di risaie che, se ne avete il tempo, meritano una visita di scoperta, più comoda e da affrontare in auto.

Distanza: 45 chilometri da Milano

11. Verbania e Isole Borromee

Verbania è un gioiellino che si trova sulla sponda piemontese del Lago Maggiore. Nonostante sia a soli venti minuti di auto dalle Isole Borromee, entrambe le mete richiedono un po’ di tempo per essere apprezzate al meglio. Se avete l’intero fine settimana libero, però, organizzare un giorno di visita a Verbania e un giorno alla scoperta delle isole potrebbe essere un ottimo piano, specialmente se avete un’auto a disposizione per gestire al meglio gli spostamenti.
Come tutte le città in riva al lago, anche Verbania gode di un’atmosfera suggestiva che i riflessi dell’acqua le regalano. Facendo una passeggiata sul lungolago, si possono ammirare in lontananza proprio le Isole Borromee e, a pochi metri dalla riva, l’Isola di San Giovanni.
Un altro panorama incredibile di cui si può godere a Verbania è quello che si vede dal Promontorio della Castagnola immerso nel verde dei parchi e coperto di splendide ville in stile liberty. Tra queste, la più famosa è Villa Taranto con i suoi imponenti giardini che si estendono per oltre 20 ettari e ospitano più di 20.000 specie vegetali diverse. Il proprietario Neil McEacharn, che alla sua morte lasciò villa e parco al comune di Verbania, dedicò la sua vita a collezionare piante europee ed esotiche restituendoci così un vero e proprio gioiello della botanica, da apprezzare e vivere al meglio specialmente durante la stagione della fioritura.
Altra villa imperdibile è quella di San Remigio, proprio adiacente all’oratorio omonimo e datato 1100. Oggi custodisce antichi affreschi, un parco, un orto medievale, un frutteto e il Giardino della Letizia e dei Sapori.
Inutile dirlo: il centro storico è una chicca! Da vedere la Chiesa di Madonna di Campagna e Palazzo Dugnani, splendido esempio di architettura barocca. Tra i borghi, le città e i paesi ben collegati vicino Milano, che vi sorprenderà!

Distanza: 100 chilometri da Milano

12. Sondrio

Sondrio è una delle provincie più piccole della Lombardia, tanto piccola da poterla girare tutta quanta a piedi. Si trova nella media Valtellina, ovvero lungo il punto d’incontro tra vigneti e rilievi montuosi, Tra i paesi di montagna belli vicino Milano, Sondrio è la meta perfetta per chi ama gli sport all’aria aperta e la natura: è qui possibile passeggiare sulla Via dei Terrazzamenti, pedalare sul Sentiero Valtellina o, per i più preparati, lanciarsi in qualche escursione nel Parco delle Orobie Valtellinesi. Nonostante le sue dimensioni ridotte, Sondrio offre ottimi spunti anche per i meno sportivi: il Castello di Masegra, per esempio, ha un’intera camera affrescata con le scene di vita di corte e dell’Orlando Furioso. Il consiglio è di raggiungere il castello al tramonto per godervi il panorama sull’Adda e sulla città: è da mozzare il fiato.
Scendendo o salendo al castello percorrete via Scarpatetti, una stradina popolare fatta di volte in pietra, ballatoi e cortili interni.
E ancora, Sondrio ci offre un osservatorio privilegiato sulle tradizioni e sull’architettura della Valtellina. È infatti possibile andare alla scoperta delle stüe lignee, ovvero stanze all’interno di antiche dimore, sia contadine che nobili, interamente ricoperte di legno, dal pavimento al soffitto. Le stüe erano le uniche stanze riscaldate della casa e quindi anche quelle attorno cui si svolgeva l’intera vita domestica. A Sondrio è possibile vedere quelle di Palazzo Pretorio, Palazzo Sassi de’ Lavizzari e Villa Quadrio.
Se raggiungete Sondrio in treno (ci vogliono circa 2 ore da Milano) cercate di sedervi sul lato sinistro, per godervi il panorama dei terrazzamenti a vite della Bassa e Media Valtellina.

Distanza: a 140 chilometri da Milano

paesi da vedere vicino milano

13. Tresivio 

Proseguendo per una decina di chilometri oltre Sondrio, e addentrandosi nella Valtellina, si raggiunge Tresivio, paesino di poco più di 2000 abitanti, ottimo per godersi la natura e i piatti gustosi della cucina tipica della zona. Tra quelli più amati: i pizzoccheri, la polenta taragna, gli sciatt (piccole frittelle croccanti ripiene di formaggio fuso), i taroz (un piatto di purè di patate, fagioli e fagiolini conditi con burro e formaggio), per non parlare di speck, bresaola e formaggi vari. Dai, che poi si smaltisce tutto con una bella passeggiata.
Nei dintorni di Tresivio ci sono altri gioiellini valtellinesi da scoprire: Bormio, famosa per la sue terme e per i trekking di montagna, Tirano, Grosio e Livigno, che d’inverno offre anche impianti sciistici ed escursioni sulla neve.
Per tornare al tema cibo, che tanto è caro ai valtellinesi, tra i ristoranti più famosi della zona ci sono quattro stellati: Ristorante Umami di Bormio, Il Cantinone a Madesimo, La Présef a Mantello e Lanterna Verde a Villa di Chiavenna. La Valtellina tutta è una rieserva di borghi deliziosi, angoli incontaminati, scorci e paesi vicino milano da vedere.

Distanza: 150 chilometri da Milano

paesi vicino milano ben collegati

14. Cremona

Cremona è anche detta la città delle tre T: turòon, Turàs, tetàs. La prima T è il torrone, nato proprio a Cremona 500 anni fa e poi diventato un dolce famoso in tutto il mondo. La seconda T è quella del Torrazzo, uno dei campanili più alti del mondo, nonché il simbolo della città. La terza invece, vietata ai minori di diciotto anni, si riferisce alle donne ma, nella versione censurata, è sostituita da Ugo Tognazzi, grande attore originario proprio di Cremona.
Oltre alle tre T, Cremona è famosa anche per le sue liuterie storiche: da più di 500 anni infatti la città è tra le più grandi eccellenze al mondo nella produzione di violini e nel 2012 questa tradizione è stata riconosciuta dall’UNESCO, che l’ha inserita tra i Patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità come tradizione artigiana dei maestri violinisti.
Oggi Cremona ospita il Museo del violino e 200 botteghe artigiane liutaie che portano avanti questa tradizione e che offrono la possibilità di visite guidate per chi volesse saperne di più.
Se vi sentite particolarmente atletici, potete partire subito con la visita del Torrazzo: 112,54 metri e 502 scalini alla fine dei quali ammirare il panorama sull’intera città e sugli edifici accanto, ovvero il Duomo, il Battistero e il Palazzo del Comune, anche loro tutti da scoprire.
Per recuperare le energie, poi, non dovete far altro che scegliere una delle tante pasticcerie storiche del centro, come Pasticceria Lanfranchi, Pasticceria Duomo o Pasticceria Ebbli, e godervi le loro bontà: ve le siete meritate. Mentre le raggiungete guardatevi intorno: vedrete tantissime botteghe, molte delle quali in stile liberty e rimaste invariate rispetto alle origini.
Se preferite godervi un posticino più isolato, potete partire dal Monastero di San Giuseppe in San Sigismondo, leggermente fuori dal centro: dall’esterno una chiesa di periferia, molto semplice e non troppo memorabile. All’interno, invece, un tesoro: il Monastero custodisce uno dei cicli pittorici più belli del Manierismo lombardo. Datata 1662, la chiesa è nata dove dove nel 1642 si sono sposati Bianca Visconti e Francesco Sforza, dando vita alla dinastia degli Sforza.
Anche Cremona è tra le città ben collegate a Milano. Per raggiungere Cremona è sufficiente un’oretta di treno da Milano: comodissimo.

Distanza: 100 chilometri da Milano

paesi vicino milano ben collegati

15. Morimondo

Pur trovandosi nell’hinterland milanese, Morimondo ha la capacità di trasportare lontano nel tempo e nello spazio. E anche lo stesso nome, infatti, deriva proprio dal latino «morire alle cose del mondo».
È tra i paesi vicino Milano ben collegati, perché raggiungibile comodamente in auto oppure in bicicletta, seguendo la ciclabile che dalla Darsena porta ad Abbiategrasso e poi al Naviglio di Bereguardo. Se vi sentite abbastanza sportivi, vale la pena avventurarsi in questa pedalata perché i paesaggi sono mozzafiato: non vi sembrerà neanche di essere a pochi chilometri da una delle città più frenetiche d’Europa.
Incluso nella lista dei Borghi più belli d’Italia, Morimondo conta circa 1200 abitanti e una storia che risale al medioevo, quando un gruppo di dodici monaci cistercensi provenienti da Morimond, in Borgogna, la fondarono. O meglio, fondarono l’Abbazia di Santa Maria di Morimondo, oggi una delle attrazioni principali della zona e centro del borgo. Le case sono basse e piccole, l’architettura gotica e le decorazioni essenziali. Il fascino di Morimondo, però, sta proprio nell’atmosfera che si respira. In più, anche i dintorni offrono moltissime occasioni di svago come la discesa in canoa sul Ticino, tra Cerano e Bereguardo, le uscite in bicicletta o a cavallo o la visita all’antico borgo di Fallavecchia dove i monaci cistercensi hanno costruito un’altra delle loro chiese.
Se poi volete godervi un ottimo pranzo nella natura, a pochi chilometri da Morimondo si trova Cascina Lasso, con la sua storia lunga più di un secolo. E se voleste portarvi a casa un po’ di prelibatezze della zona, potete fare un salto da Azienda Agricola Puliti a Fallavecchia, dove troverete un allevamento e uno spaccio alimentare.

Distanza: 35 chilometri da Milano

16. Trezzo d’Adda

Trezzo d’Adda è la meta perfetta per gite nei dintorni di Milano, soprattutto se amate la bici. Il paese è collegato al centro di Milano attraverso una pista ciclabile lunga 36 chilometri che prende il nome dal Naviglio che la costeggia, ovvero della Martesana. Il Naviglio della Martesana è stato costruito nel 1471 e, per l’epoca, era un’enorme opera d’ingegneria idraulica nata per trasportare cose e persone. La pista ciclabile inizia dalla Cassina de’ Pomm, all’angolo di via Melchiorre Gioia, in pieno centro città, e attraversa i comuni di Cologno Monzese, Vimodrone, Cernusco sul Naviglio, Cassina dei Pecchi, Bussero, Gorgonzola, Gessate, Inzago e Cassano d’Adda oltre a parchi e zone verdi. Lungo la strada quindi troverete fontanelle, ma anche bar e localini dove fermarvi per recuperare le energie. Per dirvene alcuni: Cascina Martesana, che è un punto di ristoro, un parco, un orto, uno spazio espositivo e un luogo di condivisione; Ristorante Macelleria Motta a Bellinzago Lombardo, famosa per la sua carne freschissima; Ristorante Due Spade, un’antica filanda con un bel dehor e un menù molto vario. Cosa ordinare? Optate per i piatti della tradizione: rustin negàa, ossobuco, risotto alla milanese, Cassoeula e Gorgonzola. Tanto poi si pedala.

Distanza: 40 chilometri da Milano 

17. Vigolzone 

Vigolzone è un borgo di circa 4000 abitanti a pochi chilometri a sud di Piacenza, Emilia-Romagna. Nonostante le piccole dimensioni, riesce ad essere un gioiellino per la presenza di un Castello trecentesco, opera del nobile Bernardo Anguissola. Ma non solo: a pochi minuti da quello di Vigolzone si trova un secondo castello, quello di Grazzano Visconti, la cui storia e il cui fascino sono legati strettamente al primo.
Il Castello di Grazzano Visconti, infatti, è un forte costruito nel 1395 da Giovanni Anguissola, poi diventato proprietà della famiglia Visconti di Modrone nell’Ottocento. Nei primi anni del Novecento iniziarono i lavori di restauro e il conte Giuseppe Visconti di Modrone fece costruire un piccolo borgo fortificato in stile neo-medievale proprio intorno al forte, visibile ancora oggi. Nella frazione di Grazzano Visconti si trova anche la Chiesa di Santa Maria Immacolata che custodisce un’opera linea che ritrae la Madonna, firmata dall’artista fiammingo Geernaert.
Aspetto importantissimo: Vigolzone è la patria dei tortelli con la coda, una particolare forma di pasta fresca che si dice sia stata inventata dalle cuoche di Bernardo Anguissola per rendere onore a un ospite speciale, amico del loro padrone: Francesco Petrarca.
Se volete assaggiarli, rimanendo a pochi passi dal borgo medievale, potete provare La Taverna del Castello. Se invece preferite una pausa nel verde, potete optare per il Ristorante del Biscione, immerso nel bosco e a pochi metri dal suggestivo Museo Internazionale delle Torture.
Sebbene sia tra i paesi vicino Milano ben collegati alla “città ambrosiana”, il consiglio è di raggiungere Vigolzone in macchina, per visitare questi luoghi senza fretta e in tutta comodità.

Distanza: 90 chilometri da Milano

18. Crespi d’Adda 

Lungo la strada tra Milano e Bergamo si trova il villaggio di Crespi d’Adda, inserito nel 1995 nella lista dei beni Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO per l’incredibile grado di conservazione del suo patrimonio storico e architettonico. Crespi d’Adda, infatti, è un villaggio operaio costruito ex novo da Cristoforo Benigno Crespi a partire dal 1877 per poter ospitare i propri dipendenti, impiegati nel settore tessile cotoniero. Ai lavoratori venivano messi a disposizione una casa con orto e giardino, e tutti i servizi necessari.
La fabbrica e il suo padrone erano il centro della vita e della società: il padrone provvedeva a tutti i bisogni dei dipendenti, accompagnandoli ogni giorno fino all’ultimo giorno e anticipando così le tutele dello Stato stesso. Il villaggio ospita una scuola, un albergo, un ospedale, una chiesa, un alimentari e molte dimore, tra ville e case operaie.
Oggi Crespi d’Adda è considerato il villaggio operaio meglio conservato di tutta l’Europa meridionale, continuando ad essere abitato in maggioranza dai discendenti dei lavoratori dell’opicificio tessile per cui il villaggio è nato.
Lo inseriamo in questa lista di borghi e paesi vicino Milano ben collegati, perché da Milano lo si può raggiungere in meno di un’oretta di auto.

Distanza: 40 chilometri da Milano

citta vicino milano ben collegate

19. Borghi dell’Oltrepò Pavese 

Se siete in cerca di paesi belli da visitare vicino Milano, quelli dell’Oltrepò Pavese vi faranno innamorare. Sono i borghi incastonati tra la provincia di Piacenza e quella di Tortona, custodi di una storia lontana risalente addirittura al Medioevo. L’intera zona, con le sue colline e i vigneti, va scoperta provando a perdersi per incrociare bellezze inaspettate. Ma se ci sono angoli da non perdere assolutamente, questi sono: Fortunago, Castello di Stefanago, Zavattarello e Montalto Pavese.
Fortunago, anche lui inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia, è un piccolo paese di neanche 400 abitanti, sulla cima di una collina da cui si gode di una vista profondissima su vigneti e orizzonte. Paolo Virzì ha scelto proprio Fortunago come set per alcune scene del suo film «Il Capitale Umano».
Il Castello di Stefanago è invece un’antica fortezza il cui nucleo originario è la torre risalente all’XI secolo, poderosa e a base quadrata, costruita interamente in pietra.
Zavattarello, proprio come Fortunago, fa parte dei borghi più belli d’Italia. Con una
passeggiata dal centro del paese, si raggiunge Castello Dal Verme, sulla cima della collina e da cui è possibile ammirare uno splendido tramonto sull’intera zona sottostante.
Infine, anche Montalto Pavese è considerato uno dei borghi più belli della zona, con i suoi 900 abitanti. Per la sua posizione strategica sulla cima delle colline sopra Casteggio, per lo splendido castello con giardino all’italiana e per la sua produzione di vino, spesso Montalto Pavese viene chiamato “la regina dell’Oltrepò Pavese”. Il nome promette benissimo.
Il consiglio è di preferire l’auto per muoversi in queste zone così da poter attraversare anche i borghi più piccoli e sfruttare al meglio i tempi.

Distanza: 70 circa chilometri da Milano

20. Chiavenna

Nella parte orientale della Valtellina, chiamata Valchiavenna, si trova anche il comune di Chiavenna, incastonato tra vigneti e montagne, cascate e natura incontaminata. Sebbene sia tra i paesi vicino Milano ben collegati, forse il miglior modo per visitarlo è in auto, per approfittare di una visita ai dintorni.
Partendo dal centro storico di Chiavenna, si nota che il borgo sia diviso in due dal Torrente Mera, e che sia raccolto ma molto particolare, perché conserva costruzioni in pietra rimaste intatte dal 1500. In un angolo della piazza centrale c’è Palazzo Salis, un palazzo nobiliare un tempo proprietà di facoltose famiglie locali e oggi B&B. A pochissimi passi da Palazzo Salis si trova la
Cattedrale di San Lorenzo con l’omonima Collegiata risalente al V secolo e caratterizzata da un vasto chiostro porticato decorato da affreschi.

Per i più amanti della natura e delle escursioni, Chiavenna offre ottime alternative: il Parco archeologico botanico del Paradiso, per esempio, poco lontano dal centro storico, è formato dai due colli Paradiso e Castellaccio. Da entrambi si gode di una splendida vista sulla città e sull’intero panorama circostante. Vale la visita perché ricco di specie botaniche, resti archeologici, ruderi di vecchie mura e rocce. Inoltre sono presenti percorsi, passerelle e sentieri per attraversarlo.
Sempre poco fuori dal centro, precisamente alle porte della Val Bregaglia si trova il Parco delle Marmitte dei Giganti: le marmitte sono profonde gole a forma di pozzo, come delle grandi grotte piene d’acqua, dovute all’erosione fluviale delle rocce. Il parco comprende anche l’omonima Riserva naturale datata 1983 che, oltre alle marmitte, ospita incisioni rupestri e fenomeni da scoprire come l’estrazione della pietra ollàre e molte opere d’arte permanenti create con materiali naturali ed esposte nell’intero spazio naturale.
Infine le Cascate dell’Acquafraggia, giganti e visibili anche da lontano, sono uno degli spettacoli più suggestivi di tutta la zona. Un’altra perla tra i paesi ben collegati vicino Milano, che vi suggeriamo di raggiungere per una gita in Lombardia un po’ diversa e da ricordare.

Distanza: 125 chilometri da Milano

cosa vedere vicino milano


Abbiamo cercato di darvi tante idee di posti per una gita fuori porta da Milano da visitare nel weekend. Se questo articolo sui Paesi vicino Milano ben collegati vi è stato utile, potreste essere anche interessati alle nostre guide su Milano, Brescia e Lago di Garda, oppure a scoprire altre perle italiane, da Venezia a Firenze, dalla Val d’Orcia a Roma, fino a Cosa vedere vicino Roma, e al Salento e alla Sicilia.

 

26 Shares
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

You May Also Like

25 Cose da fare a Lanzarote

Cosa fare a Lanzarote? Cosa vedere a Lanzarote? Viaggio alle Isole Canarie: 25 posti da vedere durante una vacanza al mare…